Paghetta, orario di lavoro e contratto per au pair in Francia

A quanto ammonta la paghetta per gli au pair in Francia? Quali sono le condizioni di lavoro? È obbligatorio stipulare un contratto? Abbiamo raccolto tutte le informazioni più importanti per famiglie ospitanti e au pair sul soggiorno alla pari in Francia come "stagiare aide familial étranger".

Una ragazza con un portafoglio
  • Contratto

    Il contratto definisce i diritti e doveri di au pair e famiglia ospitante e deve essere firmato da entrambe le parti contraenti prima che l'au pair lasci il proprio paese di provenienza.

    In caso di au pair proveniente da un paese extra UE, il contratto dovrà essere convalidato dall'unità territoriale della DIRECCTE.

    Risoluzione del contratto

    Il contratto au pair sarà valido per l'intera durata del soggiorno. Sarà tuttavia possibile recedere dal contratto au pair anticipatamente. Secondo la convenzione europea per il collocamento alla pari, la risoluzione del contratto necessita un preavviso di 2 settimane. In questo modo l'au pair avrà il tempo di trovare una nuova famiglia o di pianificare il suo viaggio di ritorno e la famiglia potrà trovare un sostituto. In casi particolarmente gravi è possibile risolvere il contratto senza preavviso.

    Attenzione: se l'au pair proviene da un paese extra UE, dovrà comunicare la sua partenza anticipata alla DIRECCTE di riferimento. Se tuttavia l'au pair deciderà di andare a lavorare presso un'altra famiglia in Francia, dovrà invece creare un nuovo dossier che la nuova famiglia dovrà presentare alla DIRECCTE.

  • Durata del soggiorno

    Un au pair con lo status di "Stagiaire aide familial étranger" può soggiornare in Francia per un periodo che varia dai 3 ai 12 mesi. Qualora lo desiderasse, l'au pair potrà estendere il soggiorno per ulteriori 6 mesi per un massimo di 18 mesi.

  • Compiti

    Il compito principale di un au pair è quello di prendersi cura dei bambini. Inoltre è possibile che gli venga richiesto di aiutare nelle faccende domestiche, si tratta però solo di piccole attività. L'au pair riceverà anche vitto e alloggio. Prima che il soggiorno alla pari cominci, la famiglia ospitante e l'au pair dovranno chiarire e specificare di comune accordo nel contratto quali sono esattamente i compiti che l'au pair dovrà svolgere.

  • Paghetta

    L'au pair deve ricevere una paghetta d'importo compreso tra 75 e 90 volte il minimo garantito che viene rivalutato ogni anno. Attualmente questo importo oscilla tra i 267,75 € e i 321,30 €. La somma su cui l'au pair e la famiglia ospitante si saranno accordati andrà indicata all'interno del contratto au pair. Suggeriamo di lasciare sempre una ricevuta di avvenuto pagamento, in particolare tutte le volte che si verserà la paghetta in contanti.

  • Vitto e alloggio

    L'au pair avrà diritto a vitto e alloggio durante tutta la durata del soggiorno. Inoltre al giovane dovrà essere messa a disposizione una camera tutta per sé.

  • Contributi

    Le famiglie ospitanti in Francia sono considerate alla pari di un datore di lavoro privato. Dovranno dunque dichiarare il ragazzo o la ragazza presso l'URSSAF e versare i relativi contributi a carico di circa 200 euro al mese.

  • Orario di lavoro

    L'au pair lavorerà per un massimo di 5 ore al giorno e di 30 ore alla settimana. L'orario andrà pianificato in modo tale che l'au pair abbia tempo sufficiente per frequentare un corso di lingua.

  • Tempo libero e vacanze

    Gli au pair in Francia hanno diritto ad almeno un giorno libero a settimana. Almeno una volta al mese, il giorno libero dovrà coincidere con una domenica. Per gli au pair che sono cittadini extra UE e che desiderano lavorare per un altro datore di lavoro durante il loro tempo libero, il monte ore totale non deve superare il 60% delle ore lavorative permesse secondo la legge francese; questo monte ore corrisponde a un totale di 964 ore all'anno. Le ore lavorate per la famiglia ospitante sono da includersi in questo totale.

    In Francia, non esistono disposizioni legali riguardanti le vacanze che spetterebbero agli au pair. Per questa ragione, dovrete parlarne personalmente con il ragazzo prima di iniziare il rapporto di lavoro. Gli accordi che prenderete andranno poi indicati al punto 4.2 del contratto au pair. Generalmente gli au pair hanno diritto a un periodo di vacanza di 2 settimane, nel caso in cui il giovane rimanga con la famiglia ospitante per un periodo di 6 mesi.

    Maggiori informazioni:

  • Corso di lingua

    Gli au pair provenienti da un paese extra UE dovranno obbligatoriamente frequentare un corso di lingua francese per stranieri; la frequenza di tale corso è comunque consigliata anche ai cittadini dell'UE. L'au pair provvederà al pagamento del corso. Toccherà invece alla famiglia ospitante aiutare l'au pair a iscriversi al corso di lingua. Le istituzioni e organizzazioni seguenti offrono corsi di lingua per stranieri: università, centri di apprendimento per adulti ed altre organizzazioni. In questi centri l'au pair potrà frequentare un corso di lingua annuale, estivo o della durata di qualche mese.

    Attenzione: La normativa francese non parla di un numero di ore minimo per il corso. Tuttavia, se per entrare in Francia il vostro au pair avesse bisogno di un visto, è possibile che gli venga imposto di frequentare un corso di almeno 10 ore settimanali. È opportuno prendere questo aspetto in considerazione nel momento in cui viene fatta la richiesta per il visto.

  • Assicurazione e Sécurité sociale

    In Francia, i giovani alla pari devono essere coperti dalla "Sécurité sociale" francese in caso di malattia, incidente o maternità. Per aver diritto a questa copertura, la famiglia ospitante dovrà iscrivere l'au pair presso la Caisse primaire d'assurance maladie (CPAM) e l'URSSAF entro 8 giorni dall'arrivo dell'au pair in qualità di "stagiaire aide familial étranger". Spetterà alla famiglia ospitante pagare i contributi assicurativi. Una volta iscritto, l'au pair otterrà il numero di iscrizione alla sécurité sociale che permetterà all'au pair di beneficiare delle prestazioni sociali.

  • Assicurazione di responsabilità civile

    È consigliabile che la famiglia estenda l'assicurazione di responsabilità civile anche all'au pair. In alternativa, la famiglia ospitante potrà scegliere di stipulare una polizza di assicurazione individuale solo per l'au pair. Per saperne di più sulle assicurazioni in Francia, è possibile consultre la nostra sezione dedicata alle Domande frequenti relative al soggiorno alla pari in Francia.

  • Guida e patente

    La famiglia ospitante e l'au pair devono chiarire sin da subito se quest'ultimo dovrà guidare. Se la famiglia ha bisogno che l'au pair guidi, consigliamo alla famiglia di informarsi sull'esperienza di guida dell'au pair. La famiglia si deve assicurare anche che la patente del giovane alla pari sia valida anche in Francia. Qualora non lo fosse, l'au pair dovrà richiedere una patente di guida internazionale. Per avere ulteriori informazioni al riguardo, è possibile consultare il sito dell'Autorità francese per la sicurezza stradale. Sarà anche importante chiarire i seguenti aspetti: chi sarà responsabile in caso di danni o perdite? L'assicurazione della famiglia ospitante coprirà anche l'au pair? Consigliamo alla famiglia di contattare la propria compagnia di assicurazione con un certo anticipo per sapere se la propria polizza potrà essere estesa anche all'au pair.

Vai sul sicuro:
Lavoriamo costantemente per tenere aggiornate le informazioni sui paesi ospitanti, ma non siamo in grado di garantire che tutti i contenuti siano completi e corretti. Hai notato che mancano delle informazioni o che ci sono delle sviste? Faccelo sapere!
×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld