Procedure d'ingresso per au pair in Francia

Quali sono le procedure d'ingresso per i giovani alla pari in Francia? Bisogna richiedere un visto? Qui l'au pair troverà tutto quello che bisogna fare prima di lasciare il proprio paese e appena arrivati in Francia.

Una ragazza con la valigia all'aereoporto

Le disposizioni sono diverse per cittadini UE ed extra UE. 

UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria

EFTA: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera

Extra UE:
Cittadini provenienti da paesi che non appartengono all'Unione Europea

  • Informazioni per cittadini dell'UE

    Fase 1: Assicurarsi di avere una carta d'identità o un passaporto in corso di validità

    Per i cittadini UE è sufficiente essere in possesso di una carta d'identità o di un passaporto validi per poter entrare in Francia come au pair.

    Fase 2: Firmare il contratto au pair

    Au pair e famiglie ospitanti devono firmare due copie del contratto e inviarsele a vicenda. È possibile trovare un modello del contratto ufficiale alla nostra pagina contratti. Prima che il soggiorno alla pari cominci, l'au pair e la famiglia dovrebbero averne una copia ciascuno, debitamente compilata e firmata.

    Attenzione: a partire dal 2015 gli au pair provenienti da un paese UE non devono più presentare il contratto alla DIRECCTE.

    Fase 3: Registrazione dell'au pair all'URSSAF

    La famiglia dovrà registrare l'au pair presso la sede più vicina dell'URSSAF (Unions de Recouvrement des cotisations de Sécurité Sociale et d'Allocations Familiales) come Stagiaire Aide Familial entro 8 giorni dal suo arrivo. Inoltre la famiglia lo registrerà anche presso la Caisse Primaire d'Assurance Maladie e in questo modo l'au pair otterrà il suo numero di Sécurité sociale. Sarà la famiglia ospitante a provvedere al pagamento dei contributi alla Sécurité sociale.

  • Informazioni per cittadini extra UE

    Fase 1: Assicurarsi che l'au pair sia in possesso di un passaporto valido

    Qualora l'au pair non fosse in possesso di un passaporto in corso di validità, consigliamo al giovane di farne richiesta il prima possibile. Esso dovrà essere valido per l'intera durata della sua permanenza in Francia.

    Fase 2: Firma del contratto au pair e richiesta di visto

    Per poter entrare in Francia come au pair, i cittadini extra UE avranno bisogno di un visto per soggiorni di lunga durata che vale anche come permesso di soggiorno (visa de long séjour valant titre de séjour VLT-TS). Solo ed esclusivamente questo tipo di visto permetterà ai cittadini extra UE di entrare e di lavorare come au pair in Francia. L'au pair dovrà contattare il consolato o l'ambasciata francese presente nel suo paese d'origine per avere maggiori informazioni in merito ai documenti che bisognerà presentare per la domanda del visto, come il contratto au pair (convention au pair) firmato da entrambe le parti. Gli au pair che devono richiedere un visto per entrare in Francia, dovranno possedere una conoscenza di base della lingua francese (A1/A2). Il rilascio del visto potrebbe richiedere tempi piuttosto lunghi.

    Fase 3: Convalida del visto e registrazione dell'au pair presso l'OFII (proicedura online)

    Una volta in Francia l'au pair dovrà convalidare il visto online e dichiararsi all'OFII entro tre mesi dal suo arrivo. Se l'au pair non effettuerà tale procedura online nel tempo prestabilito non potrà continuare a soggiornare sul territorio francese e non sarà più autorizzato/a a entrare nell'area Schengen. La procedura di convalida si effettua completamente online e l'au pair avrà bisogno di:

    • Informazioni che figurano nel visto;
    • La data di ingresso sul territorio francese;
    • Il suo indirizzo in Francia;
    • La sua carta di credito per pagare la tassa sulla richiesta di rilascio del permesso di soggiorno corrispondente o di un apposito timbro elettronico acquistabile presso una tabaccheria o un giornalaio.

    L'OFII (Ufficio francese dell'Immigrazione e dell'Integrazione) potrebbe mettersi in contatto con il giovane alla pari per chiedergli di occuparsi di ulteriori formalità, fare un esame medico e/o firmare un contratto di integrazione.

    NB.: Se l'au pair desidera restare in Francia dopo il periodo di validità del suo visto VLS-TS dovrà fare richiesta per un permesso di soggiorno alla prefettura due mesi prima della data di scadenza del visto. Per maggiori informazioni, consigliamo di consultare il sito della prefettura del luogo di residenza della famiglia o il service public français.

    Fase 4: Registrazione dell'au pair presso l'URSSAF

    Entro 8 giorni dall'arrivo dell'au pair in Francia, la famiglia ospitante dovrà registrarlo/la presso gli uffici locali dell'URSSAF - Unions de Recouvrement des cotisations de Sécurité Sociale et d'Allocations Familiales in modo che l'au pair possa beneficiare dell'assicurazione malattia e maternità obbligatoria. Spetterà alla famiglia ospitante versare i contributi alla Sécurité Sociale.

Link utili:

Lavoriamo costantemente per tenere aggiornate le informazioni sui paesi ospitanti, ma non siamo in grado di garantire che tutti i contenuti siano completi e corretti. Hai notato che mancano delle informazioni o che ci sono delle sviste? Faccelo sapere!
×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld