Domande su come prepararsi per il soggiorno alla pari

Una buona preparazione per il soggiorno alla pari è la chiave del successo del soggiorno alla pari. In seguito scorprirete come.

  • Le domande da fare agli au pair per conoscerli meglio

    Avete deciso di ospitare un au pair e ora volete essere sicuri che la convivenza funzioni? Le domande che abbiamo raccolto in questa pagina vi aiuteranno a prendere la decisione giusta.  

    Se volete essere sicuri della bptvostra sceltabpt, è importante che già prima di iniziare la convivenza cerchiate di conoscere l'au pair il meglio possibile. Lo strumento migliore per farlo è sicuramente Skype, ma anche lo scambio di telefonate e di e-mail risulta essere molto utile. Provate a descrivere le caratteristiche della vostra famiglia e a parlare apertamente di quello che vi aspettate da questa esperienza. Di seguito abbiamo steso per voi una lista di domande che dovreste fare agli au pair. Come regola generale, vi consigliamo di prepararvi bene per il primo colloquio e di non fare tutto troppo in fretta. Come ultimo suggerimento, vi ricordiamo di parlare con l'au pair nella vostra lingua.

    L'esperienza alla pari:

    • Perché vuoi venire a fare questa esperienza da noi?
    • Hai già fatto un'esperienza all'estero che ti ha permesso di avvicinarti agli usi e ai costumi locali?
    • Da quando saresti disponibile e fino a quando?
    • Che cosa ti aspetti dal soggiorno alla pari?
    • Saresti disposto a venire in vacanza con noi e ad occuparti dei bambini?
    • Hai una patente internazionale valida anche nel nostro paese?
    • Hai una buona esperienza di guida?
    • Hai intenzione di tornare spesso a casa?
    • Che cosa ti piacerebbe fare nel tempo libero?
    • Saresti disposto a darci una mano nelle faccende di casa?
    • Quali piatti potresti cucinare per i bambini?
    • Nel caso in cui tu fossi vegetariano, saresti disposto a cucinare comunque della carne per i bambini?

    Precedenti esperienze con i bambini:

    • Ti piacciono i bambini? Che tipo di esperienze hai maturato nell'ambito della cura dei bambini?
    • Che età avevano i bambini di cui ti sei preso cura?
    • Ti sei già occupato di bambini per periodi più lunghi?
    • Hai già fatto un'esperienza alla pari?
    • Se sì, hai delle referenze?

    La vita quotidiana con i bambini:

    • Saresti in grado di aiutarli a fare i compiti?
    • Immagina di dover badare ai bambini per due ore, come li terresti occupati? A cosa li faresti giocare?
    • Che cosa faresti se non ti ubbidissero?

    Domande personali e caratteriali:Domande personali e caratteriali:

    • Che cosa mangi volentieri?
    • Sei allergico a qualcosa?
    • Sei una persona che non ha problemi ad assumersi responsabilità?
    • Come ti descriveresti? Quali sono i tuoi punti deboli e quali i tuoi punti forti?
    • Che tipo di hobby hai?
    • C'è qualcosa di te che dovremmo sapere?
    • Fumi?
    • Vuoi che ti coinvolgiamo in ogni nostra attività o preferisci avere più tempo libero per te?
    • La tua famiglia e i tuoi amici ti stanno aiutando a prepararti per questa esperienza?
    • Hai un ragazzo o una ragazza?
    • Ti sosterrà durante il soggiorno?
    • Avete discusso insieme di come gestirete la cosa?
    • Ti farebbe piacere che i tuoi genitori o il tuo ragazzo/la tua ragazza venissero a trovarti?

    Se avete degli animali domestici:

    • Ti piacciono gli animali?
    • Saresti disposto a portare a spasso il cane/a dare da mangiare al gatto?

    Nel caso in cui l'au pair dovesse richiedere un visto:

    • Hai già fatto richiesta del visto e quando potrai partire?

    Non dimenticatevi di raccontare com'è la vostra famiglia e quali sono le vostre abitudini. Solo così l'au pair riuscirà a farsi un'idea più chiara di come sarà vivere con voi. Ed ora gli ultimi consigli:

    • Preparate un piano settimanale nel quale compaiano compiti, appuntamenti e tempo libero dell'au pair.
    • Discutete insieme al giovane di quelli che saranno i suoi orari di lavoro effettivi. Quante volte dovrà fare da babysitter la sera? Quando avrà del tempo libero per seguire un corso di lingua? Quando potrà prendersi dei giorni di vacanza?
    • Oltre all´importo della paghetta chiaritevi anche su chi cercherà e su chi si assumerà i costi del corso di lingua. 
  • Le domande da fare alle famiglie per conoscerle meglio

    Hai deciso di vivere un'esperienza alla pari e ora ti chiedi come potrai essere sicuro di trovarti bene con la famiglia che hai scelto? In questa pagina abbiamo raccolto le domande più importanti che dovresti fare alla tua futura famiglia.

    Esistono vari modi per capire se si tratta della famiglia che fa per te. Il più efficace è quello di cercare di conoscere il più possibile la famiglia prima di partire. Il più efficace è quello di cercare di conoscere il più possibile la famiglia prima di partire. Lo strumento migliore per farlo è sicuramente Skype, ma anche lo scambio di e-mail e telefonate aiuta molto.  Parla di te e di quello che ti aspetti dall'esperienza alla pari, ma soprattutto ricordati di chiedere alla famiglia tutto quello che vuoi sapere! Eccoti una lista con le domande più importanti da fare:

    La vita quotidiana in famiglia:

    • Che cosa si aspetta da te la famiglia?
    • Come sarà la tua giornata tipo?
    • Quali compiti e impegni avrai?
    • Quali sono gli hobby e le abitudini della famiglia?
    • Che cosa fanno di solito nel fine settimana?
    • Dovrai cucinare per i bambini?
    • Chiedi ai genitori di parlarti dei bambini: Che cosa amano fare, quali sono i loro sport preferiti e che cosa li contraddistigue? Quali sono i loro piatti preferiti e a che cosa giocano volentieri? C'è qualcosa in particolare che dovresti sapere su di loro?
    • Ti porteranno con loro nelle gite fuori porta?

    Il consiglio di AuPairWorld:

    • Proponi alla famiglia di prepararti un piano settimanale nel quale potranno indicare chiaramente i tuoi compiti, gli appuntamenti e il tempo libero.

    Le caratteristiche del soggiorno alla pari:

    • Quali saranno i tuoi orari?
    • Che orari di lavoro hanno i genitori?
    • Dovrai fare anche da babysitter ai bambini la sera? Se sì, quando?
    • Quali sono le sere e i giorni in cui sarai libero?
    • Quanto dista la località in cui vive la famiglia dalla città più vicina?
    • Il centro città è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici?
    • Dovrai avere una buona esperienza di guida?
    • A che ora si mangia e che cosa si mangia di solito?
    • In famiglia si segue una dieta particolare?
    • Ti porteranno con loro in vacanza? E se così fosse, quali sarebbero i tuoi compiti?
    • Metteranno a tua disposizione una stanza tutta per te?
    • Per navigare su internet dovrai portarti il pc?
    • A quanto ammonterà la tua paghetta mensile?
    • Hanno già pensato a sottoscrivere una polizza assicurativa per te? Oppure sarai coperto dalla tua assicurazione sanitaria anche all'estero?
    • In quali orari avresti la possibilità di seguire un corso di lingua?
    • La famiglia può aiutarti a trovare il corso giusto?
    • Chi pagherà il corso?
    • Ci sono altri au pair nella zona?

    Il consiglio di AuPairWorld:

    • Inserite tutte le decisioni e gli accordi che prenderete in un contratto. In questo modo vi risparmierete eventuali incomprensioni e vi assicurerete una meravigliosa esperienza alla pari.

    Esperienza con altri au pair:

    • Perché hanno deciso di ospitare un au pair?
    • Hanno già avuto degli au pair prima di te? Possono darti il loro numero di telefono o il loro indirizzo e-mail? Con le loro impressioni potrai farti un'idea ancora più chiara.
  • Come mi devo organizzare per il viaggio?

    Hai trovato la famiglia su misura per te? Allora è arrivato il momento di iniziare ad organizzare il viaggio. Segui i nostri consigli per prepararti al meglio!Segui i nostri consigli per prepararti al meglio!

    Come prima cosa, cerca di conoscere la tua futura famiglia il meglio possibile per telefono o via Skype e, dopodichè, firma il contratto au pair? Sei davvero sicuro di soddisfare tutti i requisiti per poter soggiornare nel paese che hai scelto? Allora è giunto il momento di organizzare il viaggio. Di seguito abbiamo cercato di riassumere gli aspetti principali che dovrai prendere in considerazione. Segui i nostri consigli e sarai pronto davvero a tutto!

    1.   Muoviti tra gli ingranaggi della macchina burocratica

    • Ora che hai firmato il contratto, il passaggio successivo è quello di sbrigare le pratiche amministrative richieste dal paese in cui soggiornerai; è possibile, infatti, che tu abbia bisogno di un visto o di un permesso di lavoro. In ogni caso, non devi preoccuparti: con le informazioni che AuPairWorld ha raccolto per te sui requisiti necessari, districarsi nella giungla della burocrazia sarà facile come bere un bicchier d'acqua!
    • Dovrai anche assicurarti di avere una copertura assicurativa adeguata durante la tua permanenza all'estero; di solito spetta alla famiglia ospitante farsene carico; parlane direttamente con loro prima di partire e potrai stare più tranquillo! 

    2. Prenota il biglietto e inizia a conoscere il paese che ti ospiterà

    • A questo punto non ti resta che prenotare il volo. Il nostro consiglio è quello di acquistare un biglietto aperto che, sebbene un po' più costoso, ti permetterà di scegliere la data di ritorno e, di conseguenza, esserti davvero utile nell'eventualità in cui dovessi tornare a casa per un'emergenza o se non ti dovessi trovare bene con la famiglia. In genere spetta agli au pair sostenere le spese del viaggio.
    • Come sei messo a lingue straniere? Te la cavi con la lingua che si parla nel paese che ti ospiterà? Ricordati che dovrai essere in grado di comprendere i bambini di cui ti prenderai cura, Se ancora non ti senti sicuro della tua competenza linguistica prima di partire per il tuo soggiorno forse sarebbe meglio se frequentassi un corso di lingua prima di partire. 
    • Che cosa sai del paese che ti ospiterà e della sua cultura? Mostrati curioso e scopri insieme alla tua futura famiglia quali sono le principali differenze culturali che caratterizzano i vostri rispettivi paesi. Siamo certi che saranno felici di raccontarti le loro abitudini e le loro tradizioni.  

    3. È tempo di preparare le valigie!  

    • Pronto a tuffarti in questa nuova avventura? Manca poco ormai alla partenza? Beh, allora è meglio che inizi a fare i bagagli e che, soprattutto, non ti dimentichi dell'essenziale:
    • il cellulare - così, acquistando una nuova SIM potrai pagare meno per le chiamate nazionali. Puoi anche chiedere alla tua famiglia ospitante se ti fornirà un cellulare. Potresti quindi acquisire una carta prepagata ricaricabile nel paese ospitante, quindi non sarà troppo costoso per te. 
    • il passaporto, la patente e gli altri documenti di cui potresti avere bisogno;
    • i numeri di telefono e gli indirizzi e-mail dei tuoi amici e parenti, non solo per rimanere sempre in contatto ma anche per avere sempre qualcuno su cui poter contare; 
    • l'indirizzo e il numero di telefono dell'ambasciata o del consolato, nonché i contatti di qualche hotel, pensione o ostello della gioventù nella zona, nel caso in cui avessi bisogno di aiuto o di un posto in cui stare se qualcosa andasse storto; 
    • non dimenticarti di chiedere alla famiglia di darti i loro contatti e di fornire i tuoi a loro! E perché non ti segni anche i nostri dati? Saremo felici di poterti aiutare qualora avessi bisogno di un consiglio durante il soggiorno.
    • se stai prendendo dei farmaci, non dimenticarti di metterli in valigia e di chiedere alla famiglia se potrai acquistarli anche nel loro paese. Se non fosse possibile, portane con te in quantità sufficienti a coprire l'intera durata del soggiorno; 
    • Manca davvero poco all'inizio del tuo soggiorno alla pari ma ancora non hai idea di cosa regalare alla tua famiglia ospitante. Presentarsi con qualche piccolo pensierino potrebbe senz'altro essere di aiuto per rompere il ghiaccio, soprattutto con i più piccoli. Abbiamo preparato alcuni consigli per te. :-)
  • Come prepararsi per accogliere il primo au pair

    Ormai manca poco: il tuo au pair arriverà a giorni e la tua famiglia vuole farsi trovare pronta. Leggi i nostri consigli e scopri come organizzarti al meglio!

    Per far sì che l'au pair si ambienti facilmente, una buona preparazione è fondamentale. Per questo, abbiamo pensato di darti qualche consiglio su cosa preparare prima del suo arrivo.

    I primi passi:

    • Prepara la stanza per l'au pair. Per far sì che si senta subito a suo agio, cerca di renderla il più accogliente possibile, magari facendogli trovare un biglietto o un disegno di benvenuto fatto dai bambini.
    • Ricorda all'au pair di non dimenticare passaporto, carta d'identità, contratto au pair, lettera d'invito e patente.
    • Controlla un'altra volta Ie condizioni d'ingresso del tuo Paese per essere sicuro di non aver tralasciato nesssuna procedura importante. 
    • Parla ai bambini dell'avventura che vi aspetta. Spiega loro che presto avranno un fratello o una sorella maggiore su cui contare e con cui giocare.
    • Prenditi qualche giorno libero per aiutare il ragazzo ad ambientarsi. Cerca di non chiedergli troppo all'inizio e di spiegargli con chiarezza tutto quello che dovrà fare. Una vacanza di 1-2 settimane sarebbe l'ideale per permettergli di abituarsi più facilmente alla sua nuova routine. Considera che anche i bambini avranno bisogno di un po' di tempo per abituarsi al nuovo membro della famiglia.
    • Preparati a sottoscrivere un'assicurazione se necessario. Chiedi all'au pair se dispone di un'assicurazione sanitaria valida nel tuo Paese. Esistono assicurazioni tagliate su misura delle esigenze degli au pair.
    • Per fare tutto in sicurezza, verifica i nostri consigli di sicurezza per la preparazione e il soggiorno au pair

     

    Compila la guida per famiglie per il tuo au pair:

    I membri Premium ricevono per e-mail la nostra guida per famiglie in PDF. Dovrai compilare questo documento con tutte le informazioni importanti di cui il tuo nuovo au pair avrà bisogno per integrarsi al meglio nella tua famiglia. Ti consigliamo di stamparlo e poi consegnarlo all’au pair al suo arrivo.

    Aiuta l'au pair ad organizzarsi:

    • informa il tuo au pair della routine della tua famiglia e dei bisogni dei bambini. Nel documento guida, potresti indicare i punti da tenere a mente: A che ora si svegliano i bambini? Quando vanno a letto? A che ora pranzano e cenano? Hanno allergie? Se l'au pair non è abituato a usare gli elettrodomestici, potresti anche annotare alcune brevi istruzioni per l'uso. 
    • Compila con le informazioni per te importanti le sezioni "Benvenuto", "Sicurezza", "Comportamento e disciplina", "Cibo e preparazione delle pietanze", etc.

    Routine della famiglia e orario:

    • Prepara un piano settimanale con tutti gli appuntamenti, i compiti e il tempo libero dell'au pair. Cerca di fornire il maggior numero di dettagli possibile, in modo da permettere al giovane di sapere sempre quando dovrà portare i bambini a lezione di piano e quando, invece, sarà libero. Non dimenticare di segnare anche le sere in cui l'au pair dovrà occuparsi dei bambini.

    Info della community:

    • Prima del suo arrivo, informati se sono attivi corsi di lingua nelle vicinanze. Chiedi informazioni su qualità, tempi, livelli e costi. Così facendo renderai molto più facile la ricerca dell'au pair. 
    • Procurati una cartina della città e gli orari dell'autobus, del tram o della metropolitana. Cerca di capire in che modo l'au pair potrà raggiungere la scuola di lingue: prenderà il tram o gli darai la macchina? Mostragli la fermata più vicina oppure pre-imposta il navigatore satellitare. La prima volta, però, sarebbe meglio fare il tragitto insieme.

    Cosa tenere a mente:

    • Hai chiesto all'au pair le cose più importanti da sapere? Ha allergie alimentari? È vegetariano? Per non lasciarti sfuggire nulla, consulta la nostra sezione con tutte le domande da fare al tuo au pair per conoscerlo meglio.
    • Hai deciso di mettere a disposizione del ragazzo un cellulare con il credito? Si porterà un laptop? Avrà accesso ad internet? Chiaritevi su come vi organizzerete per quel che riguarda le chiamate e l'accesso a internet. Se non hai una tariffa illimitata, faglielo presente, perché nella maggior parte dei Paesi ormai i ragazzi sono abituati a navigare su internet in ogni momento del giorno.