Cosa dovrebbe sapere un au pair prima dell'inizio del soggiorno: 6 consigli utili

Hanna e Edwina, youtuber ed esperte del soggiorno alla pari, guardano indietro alla loro esperienza alla pari e riflettono su tutte quelle cose che sarebbe stato utile sapere prima dell'inizio della loro avventura alla pari.

Le youtuber Hanna ed Edwina
, in au pair

Cari au pair, 

Questa settimana con l'aiuto di AuPairWorld ci piacerebbe parlarvi di alcune cose che sarebbe stato utile sapere prima di partire per Parigi. 

Vi starete chiedendo chi siamo, giusto? Eccovi la risposta: siamo due amiche per la pelle, Hanna dal Regno Unito e Edwina dagli Stati Uniti e ci siamo conosciute durante la nostra esperienza alla pari di un anno, nel lontano 2013. Siamo amiche da allora e non ci saremmo mai incontrate se non fosse stato per il soggiorno alla pari in Francia!

Recentemente abbiamo creato un canale su Youtube e abbiamo anche scritto un libro per aiutare i giovani alla pari durante il loro percorso all'estero. Date un'occhiata se siete interessati. Saremo felici di ricevere il vostro supporto! 

E adesso ecco una lista con tutte le cose che avremmo voluto sapere prima di diventare au pair...

1. Non è necessario pagare un'agenzia 

Edwina si è affidata a un'agenzia au pair costosa per organizzare il suo soggiorno alla pari in Francia; credeva, infatti, che ciò le avrebbe garantito quella maggiore sicurezza che generalmente le agenzie a pagamento dichiarano di fornire ai loro clienti. Tuttavia, la sua famiglia ospitante non si è rivelata così perfetta come dava l'impressione di essere e purtroppo non ha ottenuto l'aiuto che sperava dalla sua agenzia. 

Non smetteremo mai di far sapere agli au pair che AuPairWorld è un'agenzia au pair online fantastica oltre che una preziosa fonte di informazioni sui diversi aspetti del soggiorno alla pari. Io, Hanna, mi sono iscritta al sito all'età di 18 anni e ho subito capito che sarebbe stato semplice trovare una famiglia. Qualche tempo dopo, all'età di 21 anni, ho utilizzato nuovamente questa piattaforma online. Devo dire che con AuPairWorld ho ricevuto tutta l'assistenza di cui avevo bisogno, quindi non bisogna per forza pagare qualcosa per essere aiutati e supportati durante la propria esperienza da au pair. 

2. La famiglia ospitante ha bisogno di te quanto tu di loro - cerca con attenzione

Sono molti gli au pair che conducono le loro ricerche in modo frettoloso presi dal desiderio di partire il prima possibile. Proprio per questa ragione capita spesso di ritrovarsi nella famiglia sbagliata a dover affrontare tanti problemi.

Per poter evitare queste situazioni spiacevoli dovreste prendervi il tempo necessario per scegliere la famiglia più adatta a voi.  Cercate di chiedere alle famiglie tutto quello che volete sapere durante il vostro colloquio e tenete presente che le famiglia faranno altrettanto!

Anche se non doveste riuscire a trovare una famiglia entro il tempo sperato non scoraggiatevi; è infatti fondamentale trovare una famiglia che rispetti le vostre esigenze e condivida i vostri stessi valori piuttosto che ritrovarvi in un contesto familiare poco affine ai vostri interessi. 

Vorreste avere dei consigli sul tipo di domande da fare alla vostra potenziale famiglia ospitante? Abbiamo realizzato un video su Youtube proprio per aiutarvi a fare le domande giuste.

3. È un'esperienza culturale e non un lavoro

Probabilmente siete a conoscenza del fatto che non diventerete ricchi facendo gli au pair. Lo scopo principale di tale esperienza è piuttosto quello di vivere in un paese straniero in un contesto culturale diverso.  

Durante il vostro gap year, invece di trovare un lavoro part-time in un negozio della vostra città, potreste andare a vivere dall'altra parte del mondo senza preoccuparvi di pagare l'affitto, le bollette o fare la spesa e riuscire addirittura a guadagnare qualche soldo. 

Durante il vostro soggiorno come au pair apprenderete una lingua straniera, vi confronterete con una nuova cultura e abitudini di vita diverse. Le esperienze che vivrete all'estero hanno un valore davvero inestimabile! 

4. Occuparsi dei bambini è molto più impegnativo di quanto si pensi

Tutti siamo convinti di piacere ai bambini. Tuttavia, potreste rimanere sorpresi nello scoprire di quanto sia faticoso a volte occuparsene! Se non siete sicuri di essere tagliati per fare gli au pair, sarebbe una buona idea provare a lavorare come babysitter nel vostro paese prima di partire. Avere un po' di esperienza nella cura dei bambini vi permetterà, infatti, di essere più preparati per la vostra avventura alla pari. 

Abbiamo realizzato moltissimi video su come badare ai bambini. È importante porre dei limiti chiari con loro, stabilire quali comportamenti non sono tollerabili e far capire a quali punizioni potrebbero andare in contro.  

Hai colpito tua sorella? In punizione per dieci minuti! È fondamentale che i bambini imparino a rispettarvi fin da subito. 

Anche se dovessero comportarsi male e farvi perdere continuamente le staffe, siate pazienti; dopo un paio di mesi le cose si sistemeranno e vi abituerete alla nuova routine. Non mollate! 

Dopo un anno sarete molto più preparati per qualsiasi lavoro che preveda la cura dei bambini e naturalmente avrete un'idea più chiara su come prendervi cura dei vostri figli in futuro.  

5. Vi farete dei nuovi amici da tutto il mondo (se vi impegnate davvero)

Ricordo di essermi seduta a un tavolo una sera dopo una lunga giornata di lavoro in compagnia di una ragazza svedese, una svizzera, due dal Regno Unito, un'americana, una russa e una colombiana; in quel momento ho pensato che fosse fantastico! 

Quando ci si trasferisce all'estero si incontrano senza dubbio tantissime persone di nazionalità diverse. Tuttavia, farsi degli amici richiede un certo sforzo. Se volete trovare qualcuno con cui creare un legame di amicizia duraturo, allora dovrete impegnarvi. 

Vi consigliamo di frequentare dei corsi di lingua, circoli sportivi, circoli musicali ecc... Potreste provare a conoscere gli au pair che incontrerete all'uscita della scuola dei bambini. Inoltre, non sarebbe una cattiva idea creare un gruppo su Facebook. Organizzare degli incontri con persone conosciute sui social potrebbe sembrare strano all'inizio ma potrebbe esservi davvero di aiuto per fare nuove amicizie! 

6. Saranno forse i mesi più duri della vostra vita ma anche quelli più belli

Quando la nostalgia di casa vi assale, c'è poco da fare! Purtroppo non c'è modo di evitarlo. Piangete se vi fa stare meglio, mangiate del gelato, guardate la vostra serie preferita, chiamate i vostri genitori e soprattutto non restate chiusi nella vostra stanza in solitudine. 

Prima e dopo il vostro soggiorno alla pari ci saranno persone che vi diranno "wow, sei davvero coraggioso!". Forse durante la tua esperienza penserai di non star facendo nulla di speciale ma ricorda che vivere all'estero è una sfida importante.

Spesso ci viene chiesto se l'esperienza alla pari sia un fattore che influisce positivamente sulla ricerca di un lavoro. Sulla base della nostra esperienza possiamo dire che i datori di lavoro rimangono generalmente molto colpiti dal forte spirito di intraprendenza di coloro che decidono di stabilirsi all'estero e far fronte a un contesto culturale completamente diverso. 

 

 

×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld