Procedure d'ingresso per au pair nel Regno Unito

Quali sono le procedure d'ingresso per i giovani alla pari nel Regno Unito? Bisogna richiedere un visto? Qui scoprirai tutto quello che bisogna fare prima di lasciare il proprio paese e appena arrivati in Inghilterra, Scozia, Galles o Irlanda del Nord.

Una ragazza con la valigia all'aereoporto

Le disposizioni sono diverse per cittadini UE ed extra UE. 

EU: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria


EFTA: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera

Extra UE:
 Cittadini provenienti da paesi che non appartengono all'Unione Europea

  • Informazioni per cittadini dell'UE

    I cittadini dell'UE non devono sbrigare pratiche burocratiche particolari per diventare au pair in Inghilterra, Scozia, Galles o Irlanda del Nord.

    Verifica la validità del tuo passaporto

    I giovani alla pari devono assicurarsi di essere in possesso di un passaporto o di una carta d'identità validi per l'espatrio prima di iniziare a pianificare il viaggio. Non avranno bisogno di nessun visto per entrare in Inghilterra, Scozia, Galles o Irlanda del Nord.

    Giovani alla pari dalla Croazia

    Dal 1 luglio 2013 la Croazia è un paese membro dell'Unione Europea. I cittadini provenienti dalla Croazia non hanno quindi bisogno di un visto per diventare au pair nel Regno Unito. Tuttavia, esistono delle disposizioni particolari per i giovani alla pari provenienti da questo paese: gli au pair intenzionati a rimanere nel Regno Unito per un periodo superiore ai 3 mesi devono compilare un modulo in cui dichiarano di avere adeguati mezzi finanziari di sostentamento. Inoltre, sono tenuti a stipulare un'assicurazione sanitaria (che nel Regno Unito ha un costo mensile compreso tra le  £ 87 e le £ 300).

  • Informazioni per cittadini extra UE

    I giovani alla pari provenienti da un paese extra UE hanno due possiblità: il Tier 5 Youth Mobility Scheme o il visto per studenti

    Tier 5 Youth Mobility Scheme

    Lo Youth Mobility Scheme permette a giovani di età compresa tra 18 e 30 anni provenienti da determinati paesi di vivere e lavorare in Inghilterra, Scozia, Irlanda del Nord e Galles per un determinato periodo di tempo.

    Chi può partecipare a questo programma?

    Il Tier 5 Youth Mobility Scheme si rivolge a giovani provenienti da:

    • Australia, Canada, Hong Kong, Nuova Zelanda, Giappone, Corea del Sud, Principato di Monaco o Taiwan.
    • Cittadini britannici d'oltremare, cittadini dei territori britannici d'oltremare o cittadini britannici che vivono oltreoceano. 

    Se l'au pair viene da Corea del Sud, Hong Kong o Taiwan sarà il governo a fare da sponsor per il soggiorno in Inghilterra. Bisogna tenere a mente che il numero di posti e certificati di sponsorizzazione sono limitati. Il visto dovrà essere richiesto entro 3 mesi dall'emissione del certificato di sponsorizzazione (nota: non si tratta di un documento stampato, ma di un numero di riferimento).

    Come funziona?

    Il Tier 5 Youth Mobility Scheme è un programma a punti. I punti si ottengono principalmente attraverso nazionalità ed età. Inoltre sarà indispensabile disporre di una somma di denaro utile al proprio sostentamento. Coloro che indendono partecipare al programma dovranno infatti essere in grado di mantenersi durante tutto il periodo di permanenza in Inghilterra. A questo proposito, il candidato dovrà dimostrare di possedere una somma minima di 1.890 sterline prima della partenza. 

    Fase 1: Verificare la validità del tuo passaporto

    Prima di pianificare il soggiorno, il giovane alla pari deve verificare la validità del suo passaporto.

    Fase 2: Firmare il contratto au pair

    La famiglia ospitante deve inviare il contratto debitamente firmato al giovane alla pari con un certo anticipo.

    Fase 3: Richiedere il visto

    Il giovane alla pari si occupa della richiesta di visto che può essere presentata online.

    Per la richiesta di visto sarà necessario presentare i seguenti documenti presso l'ambasciata o consulato britannico del proprio paese:

    • passaporto valido (deve essere disponibile una pagina bianca per il visto)
    • una fototessera a colori che soddisfi i requisiti necessari
    • un estratto conto che dimostri la disponibilità di almeno 1890 GBP
    • i risultati del test di tuberolosi (TB) se richiesto
    • traduzione giurata di tutti i documenti presentati in una lingua che non sia inglese o gallese

    Bisognerà rivolgersi all'ambasciata o al consolato britannico per sapere se sono necessari ulteriori documenti.

    Il visto viene rilasciato per un periodo di 2 anni. Per questa ragione l'au pair non dovrà contattare l'Home Office* (ministero degli interni) alla fine dei 6 mesi. Il giovane alla pari potrà lasciare il paese e ritornarci durante il periodo di validità del visto. Sul passaporto verrà indicato se l'au pair dovrà comunicare la propria presenza presso il commissariato di polizia locale. Se così fosse, dovrà farlo entro 7 giorni dal suo arrivo in Inghilterra, Scozia, Galles o Irlanda del Nord.

    *Nota: L'agenzia per i visti (UK Border Agency) non esiste più. Le richieste d'ingresso nel paese sono ora competenza del nuovo ufficio visti e immigrazione (UK Visas and Immigration).

    Importante: il permesso di lavoro che ti verrà rilasciato nell'ambito dello Youth Mobility Scheme avrà una validità di 24 mesi.

    Visto per Studenti

    Gli studenti non provenienti da uno stato UE/EFTA ai quali è stato offerto di frequentare un corso, potrebbero ottenere il permesso di lavorare (di solito fino a un massimo di 20 ore alla settimana) in base al livello del proprio corso e alla disponibilità dell'ente che lo fornisce. 

    È pertanto fondamentale chiarire sin da subito con la famiglia ospitante quante ore l'au pair dovrà lavorare e come sarà organizzata la sua tabella di lavoro. Potrebbe infatti risultare difficile coordinare quest'ultima con un corso di studi a tempo pieno. Inoltre, le autorità per l'immigrazione potrebbero rifiutare l'ingresso dell'au pair nel paese nel caso in cui sospettassero la sua volontà di lavorare a tempo pieno pur entrando in Inghilterra in quanto studente.

    Per ulteriori chiarimenti riguardanti il visto per studenti per l'Inghilterra, l'Irlanda del Nord, la Scozia e il Galles bisognerà rivolgersi direttamente agli organi di competenza del governo britannico. 

Lavoriamo costantemente per tenere aggiornate le informazioni sui paesi ospitanti, ma non siamo in grado di garantire che tutti i contenuti siano completi e corretti. Hai notato che mancano delle informazioni o che ci sono delle sviste? Faccelo sapere!
×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld