È meglio diventare au pair dopo la scuola o l'università?

Qual è il momento migliore per diventare au pair? Subito dopo la scuola o dopo l'università? Abbiamo preparato per te una lista con tutti i vantaggi di partire come au pair dopo la scuola, i corsi di formazione o l'università. Sicuramente ti aiuteranno a decidere!

una bambina bionda si arrampica sulle lancette di un orologio

12 maggio 2021

, in Au pairs

Cominciamo dal principio: che cosa ti lascia un'esperienza au pair? Vivere con una famiglia del luogo ti permetterà di immergerti nelle tradizioni locali e nella lingua, più di ogni altra esperienza. E oltre ai momenti e alle esperienze indimenticabili che vivrai, diventare au pair ti darà una marcia in più nella tua carriera lavorativa: non tutti padroneggiano bene un'altra lingua straniera e hanno fatto un'esperienza all'estero. Per non parlare di ciò che imparerai come persona e del grado di sicurezza in te stesso che acquisirai. 

Ti stai chiedendo però qual è il momento migliore per diventare au pair? Ecco le tappe più comuni e i relativi vantaggi:

1. Diventare au pair dopo la scuola

Dopo la maturità, molte ragazze e ragazzi decidono di diventare au pair. E soprattutto se non sai cosa ti piacerebbe fare dopo, partire come au pair è la decisione perfetta! Lavorare come au pair è un buon modo per prenderti del tempo per riflettere. E ti permette al tempo stesso di imparare una nuova lingua,  viaggiare alla scoperta di nuovi posti e di crescere. Oltretutto, occuparti dei bambini ti aiuterà a responsabilizzarti e ad arricchire il tuo curriculum.

Gianpietro, dopo la scuola, ha deciso di partire come au pair per due volte, prima in Francia e poi in Austria. Guarda il video e scopri come l'esperienza au pair l'ha trasformato in un vero poliglotta. 

2. Diventare au pair dopo un corso di formazione professionale

Partire come au pair dopo aver seguito un corso di formazione è l'ideale per prenderti una pausa prima di intraprendere la carriera lavorativa. Prenderti un anno sabbatico potrebbe offrirti nuove opportunità lavorative o magari, se non ti è piaciuto il percorso di formazione professionale che hai intrapreso, ti potrebbe aiutare a scoprire nuovi settori. E poi, dopo aver iniziato a lavorare, sarà sempre più difficile trovare il tempo per fare un'esperienza all'estero.

3. Diventare au pair dopo l'università

Dopo la formazione professionale o dopo l'università, poco cambia: è il momento perfetto per fare un'esperienza au pair all'estero! Arricchire il curriculum con un'altra lingua e un'esperienza all'estero in più ti permetterà di spiccare tra gli altri candidati durante i colloqui di lavoro. Per i ragazzi e le ragazze che studiano lingue, traduzione, pedagogia o formazione, sarà ancora più facile trovare una famiglia e mettere in pratica le competenze teoriche acquisite all'università. Chi ha studiato altro potrà vivere la novità di essere au pair prima di iniziare a lavorare.

Francesca è partita come au pair in Svezia dopo l'università. Il soggiorno au pair le ha aperto le porte al mondo del lavoro permettendole di realizzare il suo sogno di diventare un'insegnante di ginnastica artistica. Non perderti il video per scoprire tutti i dettagli della sua avventura!

Un anno come au pair ti sembra troppo?

Diventare au pair non implica andare all'estero per un anno intero. Puoi anche decidere di partire solo per le vacanze scolastiche o universitarie. O per un trimestre. Un'altra possibilità è diventare au pair in estate e soggiornare da 1 e 3 mesi in un altro Paese durante la stagione estiva.

Quando dovrei fare domanda per diventare au pair?

La maggior parte dei soggiorni au pair inizia a luglio o a settembre. Ma puoi diventare au pair in qualsiasi periodo dell'anno. L'importante è iniziare a cercare famiglia da 3 a 6 mesi prima. Tutto dipende se hai bisogno o meno di un visto. Più procedure burocratiche dovrai fare, più tempo ti ci vorrà per organizzare il soggiorno.