Diventare au pair nel Regno Unito: opzioni dopo la Brexit

Quali opzioni hai per diventare au pair nel Regno Unito dopo la Brexit? Le famiglie britanniche devono cercare un au pair di quale nazionalità? Leggi tutte le novità e partecipa alla nostra petizione per il rilascio di un nuovo visto per giovani europei e britannici.

Panorama del Big Ben e del Parlamento
, in Le novità di AuPairWorld

La Brexit ha reso molto più difficile vivere un soggiorno au pair per gli au pair europei e le famiglie del Regno Unito. Da gennaio 2021, le ragazze e i ragazzi dell'Unione europea non possono più viaggiare liberamente nel Regno Unito per diventare au pair. Per farlo, devono seguire le stesse procedure dei giovani dei Paesi extra UE. 

Come diventare au pair nel Regno Unito dopo la Brexit

A seconda della tua nazionalità, ci sono una serie di procedure da fare per viaggiare e diventare au pair nel Regno Unito. Ti raccomandiamo di leggere le informazioni dettagliate sui visti per diventare au pair nel Regno Unito. 

Pre-Settled Status per cittadini europei

I giovani dell'Unione europea che godono del pre-settled status possono diventare au pair senza restrizioni.

Giovani irlandesi

I giovani di nazionalità irlandese potranno diventare au pair nel Regno Unito senza problemi né restrizioni Brexit.

Giovani di nazionalità britannica

Le nuove disposizioni del programma au pair nel Regno Unito aprono le porte ai soggiorni au pair interni al Paese. Se hai la nazionalità britannica, ti basterà aggiungere il Regno Unito alla tua lista di Paesi ospitanti.

Visto per discendenza (Ancestry Visa)

I giovani dei Paesi del Commonwealth con almeno un* nonn* nat* nel Regno Unito, nelle isole britanniche o nell'Isola di Man potranno richiedere un visto per discendenza, che gli consente di lavorare o studiare nel Regno Unito per 5 anni.

Visto Tier 5 Youth Mobility

Al momento, disponibile solo per i cittadini di Australia, Canada, Giappone, Monaco, Nuova Zelanda, Hong Kong, Repubblica di Corea e Taiwan. Permette ai giovani di questi Paesi tra i 18 e i 30 anni di restare nel Regno Unito per 24 mesi.

Visto di studio

Disponibile per tutte le nazionalità. I giovani che frequentano un corso ufficiale (un corso di inglese di livello B2 o superiore), possono lavorare 20 ore a settimana come au pair.

Come accogliere un au pair nel Regno Unito dopo la Brexit

Ci sono varie opzioni che facilitano la ricerca di un au pair alle famiglie britanniche.

Uso del filtro "Mostra gli au pair nel mio Paese"

Con quest'opzione di EasyFind o nella ricerca generale, troverai gli au pair che sono già nel Regno Unito e che possono quindi già lavorare come au pair secondo le nuove disposizioni del programma au pair nel Regno Unito:

  • Au pair dell'UE con pre-settled status nel Regno Unito
  • Giovani britannici interessati a diventare au pair in un'altra regione del Paese
  • Attuali au pair in cerca di un'altra famiglia

funzionalità coronavirus

L'importante è inserire le nazionalità anche nei criteri di ricerca.

Le nazionalità che possono lavorare come au pair

Le disposizioni ufficiali precisano chiaramente quali sono le nazionalità che possono entrare legalmente nel Paese per lavorare come au pair. Tra queste c'è quella irlandese. Ci sono poi altre nazionalità che possono richiedere il visto Youth Mobility per diventare au pair: Australia, Canada, Giappone, Monaco, Nuova Zelanda, Hong Kong, Repubblica di Corea e Taiwan.

Petizione per un visto per giovani tra l'Unione europea e il Regno Unito

Grafico mobilità con un gruppo di giovanni

A causa della Brexit, non esiste nessuna opzione che faciliti gli scambi culturali e i soggiorni au pair tra i giovani dell'UE e le famiglie britanniche. E neanche tra gli au pair britannici e le famiglie europee. Per questo, AuPairWorld sta partecipando alla campagna per il rilascio di un visto per giovani che faciliti gli scambi nell'era post-Brexit.

Anche tu puoi partecipare e fare il tuo piccolo! Ti basterà soltanto un clic per firmare la campagna di change.org.


Firma la petizione
 

 


Lavoriamo costantemente per tenere aggiornate le informazioni sulla Brexit, ma non possiamo garantire la completezza e la correttezza di tutti i contenuti. Hai notato informazioni mancanti o poco accurate? Faccelo sapere!