Procedure d'ingresso per au pair in Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda non esiste un programma ufficiale per il soggiorno alla pari. Dunque, al fine di poter fare un'esperienza da au pair in questo paese, i ragazzi interessati possono provare a richiedere un visto Working Holiday. Scoprite quali sono le condizioni per ottenerlo consultando le informazioni seguenti.

Junge Frau mit Koffer am Flughafen

Visto Working Holiday per la Nuova Zelanda

Requisiti richiesti

Per poter presentare la domanda di visto, l'au pair dovrà:

  • provenire da uno dei seguenti paesi: Argentina, Australia*, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Corea del Sud, Croazia, Danimarca, Estonia, Filippine, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Hong Kong (HKSAR), Irlanda, Israele, Italia, Lettonia, Malesia, Malta, Messico, Norvegia, Paesi Bassi, Perù, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Svezia, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Taiwan, Thailandia, Turchia, Ungheria, USA, Uruguay, Vietnam.
  • avere non meno di 18 e non più di 30 anni.
  • non essere accompagnati da eventuali figli.
  • possedere il biglietto di un volo di ritorno o dimostrare di possedere il denaro sufficiente ad acquistarne uno.
  • possedere una somma tra i 2.250 NZD e i 7.000 NZD (il suo paese di cittadinanza stabilirà l'importo esatto). 
  • soddisfare i requisiti relativi al buono stato di salute.
  • possedere un'assicurazione medica che copra anche le eventuali spese di ricovero per l'intera durata del soggiorno.
  • non avere mai richiesto un visto Working Holiday.

*I cittadini australiani possono studiare, lavorare e vivere in Nuova Zelanda senza dover richiedere un visto. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet dell'Ufficio dell'immigrazione neozelandese.

Tutti i requisiti per l'ottenimento del visto sono reperibi sul sito ufficiale del visto Working Holiday. Nota: per alcuni paesi richiedenti, il numero dei visti disponibili non è illimitato. È bene consultare il sito ufficiale dedicato al visto Working Holiday per avere un'idea del numero dei visti disponibili per i differenti paesi di origine dei giovani alla pari.

Il visto Working Holiday permette ai giovani alla pari di viaggiare in Nuova Zelanda e lavorare come au pair presso una famiglia ospitante. A seconda del paese di provenienza, questo visto offre agli au pair la possibilità di rimanere in loco dai 6 ai 23 mesi. Se l'au pair avesse la necessità di finanziare il suo soggiorno, potrà svolgere occasionali lavori part-time, ma nessun impiego a tempo pieno. L'au pair potrà richiedere il visto Working Holiday una sola volta nella vita. All'accorrere di determinate circostanze, potrebbe essere concesso agli au pair un prolungamento del soggiorno previa richiesta di altre tipologie di visto. Per ogni ulteriore precisazione consigliamo di rivolgersi direttamente alle autorità e agli organi competenti.

Periodo di lavoro

Il visto Working Holiday permette di lavorare con uno o più datori di lavoro per una durata massima di 12 mesi.

Nota: i cittadini provenienti da determinati paesi non potranno lavorare con lo stesso datore di lavoro per più di 3 mesi. Questi paesi sono: Brasile, Croazia, Danimarca, Estonia, Filippine, Hong Kong, Israele, Italia, Lettonia, Malta, Messico, Perù, Polonia, Slovenia, Spagna, Taiwan, Thailandia, Turchia, Ungheria e Vietnam.

I cittadini provenienti dal Cile, dalla Cina o dalla Slovacchia potranno rimanere con la loro famiglia ospitante per non più di 6 mesi. I cittadini di tutte le altre nazionalità potranno rimanere 12 mesi con la stessa famiglia.

Lavoriamo costantemente per tenere aggiornate le informazioni sui paesi ospitanti, ma non siamo in grado di garantire che tutti i contenuti siano completi e corretti. Hai notato che mancano delle informazioni o che ci sono delle sviste? Faccelo sapere!
×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld