Perché il concetto di au pair è frainteso?

Casey Aubin, fondatrice di Au Pair Movement, spiega come ha scoperto che essere au pair significa molto più di quanto pensasse.

una ragazza pensierosa e un punto interrogativo
, in Au pairs

Se qualche anno fa mi avessi detto che un giorno avrei camminato nella giungla della Thailandia senza scarpe, non ti avrei creduto.

Vedete, non molto tempo fa vivevo in una giungla molto diversa. Una giungla di cemento. Intendo dire, la mia città natale, Perth (nell'Australia occidentale), è una giungla di cemento piuttosto piccola, ma il mio pensiero era fondamentalmente questo: vivere nella natura faceva per qualcun altro, non per me.

Ho vissuto nel mondo delle camicie stirate, delle gonne a tubino da ufficio e delle gare di bevute di caffè. Nelle rare occasioni in cui si parlava di bambini, la mia risposta abituale era: "Bambini? Che diavolo sono?".

Soltanto bambini (o almeno così pensavo)

Mi ero rassegnata a un percorso diverso. Pensavo di non essere fatta per i bambini, così come pensavo che camminare a piedi nudi fosse... solo strano. Soprattutto nella giungla. Il mondo aziendale era il mio posto. Quindi, non è difficile immaginare cosa pensassi degli au pair. Non fraintendetemi, ho sempre pensato che essere una ragazza alla pari fosse una grande idea. Certamente molto utile per i genitori che avevano bisogno di aiuto con i loro "piccoli" per andare al lavoro. Una giungla. Non faceva per me. O almeno così pensavo.  Pensavo che gli au pair fossero solo persone che amano istintivamente i bambini. Pensavo che fossero quel tipo di persone a cui si illuminano sempre gli occhi, che sorridono anche quando la bocca gli fa male e che parlano con una voce stridula e infantile. Il tipo di persone le cui ovaie esplodono ogni volta che un bambino entra nel loro campo visivo. Ho immaginato che se ne avessi presi alcuni e li avessi circondati di bambini, avrei quasi potuto sentire il debole suono delle loro ovaie che esplodevano come popcorn.  Come ho detto, non faceva per me. O almeno così pensavo. 

Cosa ho imparato (come sono realmente gli au pair)

Da allora, ho imparato che gli au pair sono tra i ragazzi più coraggiosi e più tosti che abbia mai incontrato. Eccezioni a parte, mi hanno lasciato a bocca aperta.  Fare le valigie, trasferirsi dall'altra parte del mondo e vivere con un gruppo di sconosciuti? Questo è coraggio. Immergersi in una nuova cultura e aprire la mente a nuove esperienze, a un nuovo modo di pensare? Questo è coraggio. E infine, imparare ad amare i figli degli altri? Questo è assurdo.  Dopo aver preso la decisione di diventare una ragazza alla pari, mi sono resa conto di quanto il mio modo di pensare precedente fosse completamente errato. La mia esperienza da au pair non corrispondeva a ciò che pensavo in precedenza. Decidere di diventare au pair è stata ed è tuttora una delle migliori scelte che abbia mai fatto. 

Allora perché il concetto di au pair è così tanto frainteso?

Tutto questo mi ha fatto riflettere. Perché avevo questi preconcetti? Perché il concetto di au pair viene così spesso frainteso? Quando sono diventata ragazza alla pari, mi sono resa conto che 2 fattori chiave contribuiscono ad alimentare questo stereotipo. In primo luogo, il marketing per i bambini è, per natura, tutto sole, colori e arcobaleni. In secondo luogo, e questo tende a passare inosservato, chi non ha rapporti con i bambini spesso crede altrettanto che il loro mondo sia tutto sole, colori e arcobaleni. Comunque la si guardi, sono questi i 2 fattori responsabili. 

La mia esperienza come au pair (l'avventura della mia vita)


Vi starete chiedendo com'è andata la mia esperienza alla pari e come ho finito per diventare un au pair. 

Beh, ora potrebbe essere il momento di farsi una tazza di tè. Ho una storiella da raccontare su come sono diventata una ragazza alla pari ed è proprio una bella avventura da ascoltare se ne avete voglia. 

Non posso dirvi tutto qui, ma ho scritto un libro a riguardo "I Never Thought I’d be an Au Pair: A Collection of Things I Wish People Had Told Me.". Potete scaricare i primi capitoli gratuitamente . Avrete mie notizie anche qui, nelle prossime settimane, sul blog di AuPairWorld. 

E ho qualcos'altro in serbo per voi. Il mio primo video in cui ho l'opportunità di presentarmi personalmente e approfondire più nel dettaglio l'argomento di questo articolo:

Perché il concetto di au pair viene spesso frainteso

Collaborazione con AuPairWorld

Come fondatore del Movimento Au Pair, sono entusiasta di poter dire che sto collaborando con AuPairWorld con articoli e video all'insegna del motto #keepcalmandaupair. Quindi, mettetevi comodi sul divano e godetevi una storia dal finale insolito. 
 

Casey
 

Riguardo all'autore:
Casey Aubin ha scalato l'Himalaya, si è allenata nella Muay Thai ed è sopravvissuta un anno e mezzo come au pair in Italia. Come te, non ha mai pensato di poter fare così tanto, eppure eccoci qui. Imprenditore, fondatore del Movimento Au Pair e insegnante di molte cose, Casey vive attualmente a Perth, in Australia. Il suo libro "I Never Thought I’d Be an Au Pair: A Collection of Things I Wish People Had Told Me" è disponibile in formato Kindle su Amazon.