Vivere in un altro paese: 6 consigli per adattarsi velocemente durante la propria esperienza da au pair

Affrontare il cosiddetto "shock culturale" non è mai facile, eppure può considerarsi parte integrante dell'esperienza da au pair. Claire (un'au pair australiana attualmente nella provincia canadese della Columbia Britannica) spiega com'è riuscita a divertirsi mentre si adattava alla vita in un altro paese. 

Una donna tiene in mano una cartolina col simbolo del GPS
, in au pair

Trasferirsi in un altro paese e imparare ad adattarsi alla vita di tutti i giorni in una cultura diversa dalla propria può costituire un enorme passo fuori dalla propria "comfort zone" che porta con sé alti e bassi. Fare l'au pair è un ottimo modo per sperimentare in prima persona com'è la vita in un altro paese. All'inizio, comunque, ho constatato che adattarsi alle differenze culturali (siano esse legate al cibo, alla lingua, agli usi o al tempo) può essere una vera sfida!

Sto facendo l'au pair in Canada da tre mesi ormai e non potrei essere più felice. Durante le prime settimane dopo il mio arrivo, tuttavia, ho avuto non poche difficoltà prima di riuscire ad ambientarmi e sentirmi a casa. Onestamente, non immaginavo questa gran differenza, dando per scontato che il Canada e l'Australia fossero piuttosto simili culturalmente: beh, mi sono dovuta ricredere (per gli australiani all'ascolto: per esperienza, posso dirvi che le persone potrebbero faticare a capirvi, non vendere la famosa crema spalmabile "Vegemite" nei supermercati o chiamare "sweater" quello che per voi è sempre stato "jumper")!

È davvero importante iniziare questa esperienza preparandosi al meglio. Ed è per questo che ho pensato a 6 strategie (basate sulla mia esperienza) per riuscire ad adattarsi alla vita in un altro paese nella maniera più semplice possibile! 

1. Cercate di relazionarvi con le persone del posto

Incontrare persone del posto è uno dei metodi più efficaci che può aiutarvi a farvi sentire parte di una comunità e a farvi degli amici, ma richiede impegno. Dare una mano presso la scuola dei vostri host kids, frequentare un corso di ginnastica o di lingua o fare del volontariato presso un'organizzazione locale sono tutte occasioni perfette per integrarvi nella comunità locale. 

Nei giorni in cui la mia famiglia ospitante non ha bisogno di me, impegno il mio tempo lavorando in una caffetteria della mia zona. Questo mi ha permesso di guadagnare qualcosa in più, relazionarmi con la clientela e farmi degli amici tra i miei colleghi di lavoro. 

2. Cogliete ogni opportunità 

Un ottimo modo per fare nuove esperienze è cogliere le opportunità che vi si presentano mentre vivete in un altro paese. Provate cose nuove e ponetevi come obiettivo quello di immergervi nella cultura locale e nelle sue tradizioni apprezzandone le differenze. Potreste provarci andando a qualche evento sportivo o culturale e assaggiando le specialità locali.

Da quando sono in Canada ho provato la famosa poutine, partecipato a una cena del Ringraziamento e guardato una partita di baseball dal vivo; tutte cose che non avevo mai fatto prima e che non avrei mai immaginato mi sarebbero piaciute!

3. Condividete il vostro sapere 

Pensando al vostro paese di provenienza, potreste ritenere che sia ordinario e non abbia nulla di speciale. È molto probabile, invece, che ad un sguardo esterno (per esempio quello delle persone originarie del vostro paese ospitante) la vostra terra appaia come una meta affascinante quanto esotica e irraggiungibile. Il soggiorno alla pari è un vero e proprio scambio culturale, dunque è importante condividere il vostro sapere con le persone che vi circondano! Cucinate un piatto tipico del vostro paese d'origine, insegnate ai vostri host kids alcune frasi nella vostra madrelingua o mostrate alla vostra famiglia ospitante delle foto che ritraggono i vostri viaggi/dove vivete.

Io, per esempio, ho preparato i lamington (dolcetti tipici australiani) per i miei host kids: è venuto fuori che non li avevano mai assaggiati prima di allora e li hanno trovati buonissimi!

4. Uscite ed esplorate il territorio

Essere un au pair significa anche esplorare un paese diverso dal proprio. Cogliete questa opportunità e appena potete andate a visitare le città vicine, a fare un'escursione o semplicemente fate una passeggiata per esplorare la vostra zona... potreste rimanere stupiti! 

Vivendo con la mia famiglia ospitante sull'isola di Vancouver, sono circondata da paesaggi naturali meravigliosi. Un weekend mi è capitato di prendere un traghetto diretto a un'isola vicina: sono andata a fare un'escursione e poi a fare un giro al mercato locale. È stato davvero un bel modo per passare il mio tempo libero!

5. Conoscete altri au pair

Conoscere altri au pair è un ottimo modo per farsi degli amici tra persone che stanno facendo la vostra stessa esperienza. Ci sono moltissimi gruppi Facebook per au pair, inclusa la pagina di AuPairWorld, dove potete conoscere altri au pair e condividere la vostra esperienza!

6. Raccogliete informazioni e apprendete la storia locale

Saperne quanto più possibile sulla storia locale è davvero importante dal momento che molti aspetti della vita moderna sono conseguenza o sono stati comunque influenzati dagli eventi del passato. Questa conoscenza vi fornirà gli strumenti per poter comprendere veramente le tradizioni e la cultura della comunità in cui siete. 

Personalmente, trovandomi sull'Isola di Vancouver per il mio soggiorno alla pari, ho ritenuto importante per me informarmi sulla storia delle popolazioni native dell'isola. La zona in cui sto vivendo attualmente è anche la terra d'origine di molte comunità native e fino a poco tempo fa non ne ero a conoscenza. È stata una scoperta molto importante per me. 

Questi passaggi vi aiuteranno a farvi sentire a casa anche in un paese diverso dal vostro in pochissimo tempo! Fare l'au pair è un'esperienza straordinaria che vi darà modo di vivere mille avventure e vedere il mondo con occhi diversi. 
 
 

L'autrice Claire Brack
 

Info sull'autrice:
Claire Brack è una ragazza di 21 anni, laureata in marketing che sta girando il mondo zaino in spalla durante il suo cosiddetto "anno sabbatico" (nel suo caso due!). Racconta le sue avventure girando dei video e scrivendo sul suo blog Chasing After Claire.

×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld