Gli au pair hanno l’ultima parola!

Molto di frequente gli au pair vengono dipinti come vittime dal sensazionalismo mediatico. Tuttavia, la maggior parte dei giovani alla pari riferisce qualcosa di molto diverso (e di gran lunga migliore) a proposito della propria esperienza alla pari.

Parola "SURVEY" sillabata in lettere appuntate a una bacheca.
, in Le novità di AuPairWorld

Al giorno d’oggi sempre più spesso vengono aperte inchieste mediatiche che cercano di dipingere gli au pair come vittime. Vengono, infatti, descritti come incapaci di prendersi cura di sé o di poter trarre qualche beneficio dal trascorrere del tempo all’estero ospitati in famiglia, occupandosi, allo stesso tempo, dei loro bambini.

Ciò si traduce così in vicende dai toni drammatici che consentono ai media di trovare terreno fertile per creare titoli che facciano subito notizia.

I risultati del nostro sondaggio dimostrano tuttavia come queste situazioni negative siano isolate e non rispecchino la realtà effettiva vissuta dalla stragrande maggioranza degli au pair.

E sono quelle stesse persone che dichiarano di “immolarsi per la causa degli au pair” e che cercano allo stesso tempo di sminuire il soggiorno alla pari in generale, le prime che finiscono per remare contro una preziosa opportunità di scambio culturale e di crescita per migliaia di ragazzi.

2.400 au pair esprimono la loro opinione

A marzo 2016, AuPairWorld ha chiesto a tutti gli au pair allora iscritti (circa 103.000) quanto fossero soddisfatti della propria esperienza da au pair.

È stata data loro la possibilità di rispondere a una serie di domande circa la loro esperienza utilizzando un tool per i sondaggi su internet. Più di 2.400 hanno approfittato dell’occasione per condividere la loro opinione in merito all’essere au pair.

Ecco alcuni tra i risultati più significativi:

Consiglieresti ad altri di fare un soggiorno alla pari?

Survey result graphic 1

Avendolo fatto loro stessi, 9 au pair su 10 apprezzano questa esperienza al punto da consigliare ad altre persone di partire come au pair.

L’esperienza da au pair ti ha aiutato a migliorare come persona?

Survey result graphic 2

Ciò che spinge questi giovani a scegliere di diventare au pair è l’idea di poter trascorrere del tempo all’estero migliorandosi nel senso più ampio del termine. E sembra funzionare!

Ti sei sentito ben integrato nella tua famiglia ospitante?

Survey result graphic 3

Non tutti i gli au pair sentono di essere perfettamente integrati nella vita familiare. Ma 8 au pair su 10 dicono di essersi trovati bene con le proprie famiglie ospitanti.

Sei stato in grado di migliorare la tua conoscenza delle lingue straniere tramite la tua esperienza alla pari?

Survey result graphic 4

L’apprendimento delle lingue dovrebbe essere uno dei vantaggi principali del fare l’au pair. La maggior parte degli au pair riesce con successo ad acquisire nuove competenze linguistiche.

Quali altri vantaggi ha prodotto la tua esperienza come au pair?

Survey result graphic

La maggior parte degli au pair riferisce come questa esperienza favorisca molteplici vantaggi di cui riesce a beneficiare.

Trovare una nuova famiglia quando necessario

In generale, gli au pair sembrano avere un’opinione molto positiva riguardo a questa esperienza. In questo contesto, è interessante notare come poco più del 20% degli au pair ha riferito di aver cambiato famiglia ospitante nel corso del proprio soggiorno alla pari. Il sondaggio non ha ottenuto informazioni sulle motivazioni che hanno spinto a questa decisione. Tuttavia, è possibile intuire che una parte di questi cambiamenti fosse dovuta all’incompatibilità tra l’au pair e la famiglia ospitante.


Hai cambiato famiglia ospitante nel corso del tuo soggiorno alla pari?

Survey result graphic 6

Chiaramente molti au pair sono stati in grado di trovare una soluzione ragionevole al problema cercando una nuova famiglia ospitante che meglio si adattasse alle loro esigenze.

Chi ha l’ultima parola?

Nonostante alcuni au pair non riescano a integrarsi al meglio nelle famiglie ospitanti, questo sondaggio indica come queste situazioni rappresentino nella maggior parte dei casi una rara eccezione. Quando questo accade, è necessario agire tempestivamente: molto semplicemente gli au pair dovrebbero lasciare la famiglia e trovarne un’altra che permetta loro di godersi tutte le belle cose che l’esperienza alla pari ha da offrire. 

Il collocamento alla pari ha un problema di natura generale? Noi pensiamo di no. Crediamo piuttosto che l'ultima parola spetti agli au pair!

 

×

Accedi a AuPairWorld