Un tema – le vostre domande!

Si chiamerà così la nuova versione della "Domanda della settimana" all'insegna del motto Keep it simple. In un'intervista rilasciata ad Ellen Nickel, il fondatore di AuPairWorld Uwe Regenbogen spiega quali saranno i vantaggi di questo cambiamento!

, in Archivio

La "Domanda della settimana" di AuPairWorld ha compiuto ormai un anno, ma qual era l'idea alla base?

Più di ogni altra cosa la "Domanda della settimana" doveva riuscire a spiegare chi fossimo e cosa facessimo. Ogni giorno riceviamo tra le 50 e le 100 chiamate ed ogni mese oltre 4.000 richieste ci arrivano via posta elettronica. Il nostro lavoro consiste principalmente nel rispondere alle domande di famiglie ed au pair e, come conseguenza, nell'aiutarli a fare le scelte giuste. Per questa ragione, fino ad ora, abbiamo sempre scelto di pubblicarne una.

Che cosa cambierà ora?

Con la nuova versione vogliamo che questa nostra "scelta" sia ancora più evidente, vogliamo rispondere a molti più quesiti e vogliamo, in questo modo, poter sostenere nel modo migliore i nostri utenti. Fino ad oggi la "Domanda della settimana" ha ricevuto un grande consenso. È stata citata e "twittata" sempre di più. Fino a questo momento ci siamo concentrati solo su un'unica domanda. Ora la rubrica si chiamerà: "Un tema – le vostre domande". Così facendo, vogliamo cercare di essere ancora più vicini ai nostri utenti e dare ascolto alle loro richieste.

Che vantaggi avranno gli utenti?

Per ogni tema, riceveranno delle risposte veloci, concise e che andranno dritte al punto. Laddove sará necessario e possibile, inoltre, saranno corredate anche di link di approfondimento.

Quando apparirà la nuova versione?

Andrà online alla fine di novembre con Stefanie, membro della redazione di AuPairWorld, come persona di riferimento.

Quali temi ci aspettano?

Nella prima edizione si parlerà di paghetta, ma, successivamente, si toccheranno anche temi più specifici come, ad esempio, gli orari di lavoro. Si tratteranno, però, anche tematiche quotidiane ed attuali. In questo modo, nel corso del prossimo anno, riusciremo ad accumulare una grande quantità di conoscenza, a cui i nostri utenti potranno velocemente accedere. Nella scelta dei temi da trattare, vorremmo inoltre coinvolgere maggiormente i nostri utenti. Stefanie raccoglierà le domande più salienti e provvederà a pubblicarne la risposta sul sito di AuPairWorld. In questo modo, gli utenti saranno in grado di comunicarci il loro interesse riguardo ad un particolare tema e noi, dal canto nostro, potremo accogliere le loro richieste in maniera semplice e veloce. Per una comunicazione più diretta, presto ci sarà anche la possibilità di lasciare il proprio commento in uno spazio apposito. I temi che prenderemo in questione vogliamo che siano resi noti almeno con una settimana d'anticipo. In questo modo avremo il tempo necessario per riuscire a prendere in considerazione anche le richieste dell'ultimo minuto dei nostri utenti e tradurle nelle varie lingue.

Negli ultimi anni il sito è cambiato molto. Anche l'azienda AuPairWorld si trova in questa fase di mutamento?

Sì! Abbiamo accolto molti nuovi collaboratori e insieme vogliamo creare sempre più contenuti per i nostri utenti: dai temi scelti dalla redazione, ai consigli pratici sulla convivenza e a qualche piccola astuzia. Dovrà riguardare di più la vita quotidiana di un au pair nella pratica. A questo proposito, aggiungeremo anche nuovi formati, come i video. E vogliamo rendere il nostro sito ancora più facile da utilizzare per i nostri utenti, proprio all'insegna del motto: "Keep it simple!"

AuPairWorld, l'agenzia au pair leader sul web. Cosa vuol dire esattamente e che cos'è o cosa rappresenta AuPairWorld oggi?

Entro la fine dell'anno, grazie al nostro sito, più di 30.000 au pair avranno trovato un posto presso una famiglia ospitante. Dal 1999 migliaia di famiglie e di au pair scelgono di utilizzare AuPairWorld per le loro ricerche. Nel 2011 si sono registrati ben 210.000 nuovi utenti. Il nostro impegno deve quindi essere quello di essere all'altezza della nostra responsabilità. Vogliamo spingere maggiormente il concetto di giovane alla pari ma non vogliamo fermarci solo a quello che facciamo noi. Non siamo solo un sito web, ma non siamo nemmeno un'agenzia tradizionale. Vogliamo essere proprio qualcosa a metà. Questo significa che consideriamo la consulenza e l'informazione - così come accade in un'agenzia classica - degli aspetti molto importanti nel nostro lavoro, ma anche l'accessibilità e la rapidità, possibili solo online, lo sono - ci siamo anche alle tre di notte e ci possono raggiungere anche dall'Australia o dal Brasile!

Dobbiamo aspettarci altre sorprese?

Sorprese no, ma sicuramente altri sviluppi. In futuro ci saranno molte altre novità. Non vedo l'ora che arrivi il 2012, ad esempio, quando sul nostro sito saranno disponibili anche i primi video. Tuttavia non intendiamo correr dietro a nessun tipo di moda o tendenza. Non è questo il nostro compito e non ci interessa farlo. I nostri utenti sono la cosa più importante, così come lo è poter diventare sempre più un punto di riferimento per loro.

Nota importante: "un tema - le vostre domande" è stata trasferita a il Glossario au pair


Per approfondire:

Il concetto di au pair
Tutte le domande della settimana