È possibile ospitare un giovane alla pari durante una pandemia?

La risposta è sì! Il segreto affinchè sia voi che il vostro au pair possiate vivere un soggiorno alla pari sereno nonostante la pandemia è instaurare un rapporto in cui vi siano una comunicazione sincera e volontà di collaborazione.

Tre ragazze che si salutano con il gomito
, in Coronavirus

È un dato di fatto che la pandemia coronavirus abbia reso più difficile la nostra routine... Difficile sì, ma non impossibile! E anche accogliere un au pair in casa non è impossibile. 

Video: Come gestire un soggiorno alla pari in piena pandemia

In questo video vi spieghiamo come le 4 preoccupazioni più diffuse tra le famiglie ospitanti durante questo periodo di emergenza sanitaria possano essere risolte insieme al vostro au pair rendendo il soggiorno alla pari possibile e sereno.

Possible risks of hosting an au pair during covid-19 | AuPairWorld

Come gestire un soggiorno au pair durante la pandemia

Per iniziare con il piede giusto la tua esperienza au pair durante la pandemia, tieni a mente alcuni aspetti chiave:

1. Accertati che tutti siano in salute

Nessuno vuole contagiare nessuno né tantomeno essere contagiato dal virus. Per cominciare quest'esperienza in salute e sicurezza fare un tampone all'inizio del soggiorno potrebbe essere un buon punto di partenza per tutti. In questo modo, la tua famiglia potrà assicurarsi che l'au pair non abbia contratto il virus e l'au pair allo stesso tempo potrà essere sicuro di vivere in un ambiente sano.

Le disposizioni relative ai tamponi variano di Paese in Paese. Proprio per questo, è importante parlare con l'au pair e giungere a un comune accordo:

  • Dove e quando l'au pair dovrà fare il tampone? E la tua famiglia?
  • Chi pagherà le spese del tampone dell'au pair?

Nel caso in cui l'au pair presenti i sintomi del virus e un dottore gli prescriva il test sierologico/tampone, l'au pair potrà richiedere il rimborso del costo del test se ha contratto la polizza assicurativa Dr. Walter.

2. Informa l'au pair sulle misure e sullo stato del coronavirus nel tuo Paese

La situazione di ciascun Paese è differente. Di conseguenza, anche la normativa coronavirus varia. È proprio per questo che è importante informare l'au pair in anticipo sulla situazione del virus nel tuo Paese su cosa aspettarsi:

  • Quali sono le regole in merito all'uso della mascherina e al distanziamento sociale?
  • Cos'è possibile fare? Quali luoghi sono chiusi (ristoranti, cinema, bar, etc.)?
  • L'au pair dovrà prepararsi ad affrontare situazioni particolari?

Potresti pensare che quanto vissuto dalla tua famiglia sia la norma comune, ma il tuo au pair potrebbe aver vissuto il virus diversamente. Proprio per questo, è importante fargli scoprire la tua normalità e indicargli quali sono i comportamenti adottatti nel tuo Paese.

3. Comunica all'au pair qual è il tuo approccio al coronavirus

Ciascuno di noi ha un approccio diverso al virus. Per questo motivo, dovresti comunicare in anticipo al tuo futuro au pair come si pone la tua famiglia rispetto al virus.

Gli au pair dovranno accettare di vivere in un nuovo luogo con nuove regole (magari diverse dalle loro). Per evitare successivi malintesi, sarebbe meglio discutere in anticipo del vostro approccio al virus cercando di venirvi incontro il più possibile.

Ecco alcuni aspetti di cui parlare con l'au pair:

  • Quando dovrà indossare la mascherina?
  • Potrà invitare gente a casa? Chi?
  • Siete d'accordo che frequenti ristoranti, bar e pub?
  • Quali regole dovranno seguire i bambini rispetto al distanziamento sociale? E la tua famiglia e l'au pair?
  • Che tipo di spostamenti/viaggi sono consentiti all'au pair?
  • Se qualcuno in famiglia presenta sintomi sospetti, quando e come dovrà comunicarlo?
  • In quali circostanze è necessario sottoporsi a un test sierologico/tampone?
  • Qualcuno in famiglia si è già sottoposto al vaccino?
  • Vi è la volontà da parte vostra e del vostro au pair di essere sottoposti al vaccino quando arriverà il momento?

Porre certe domande all'au pair non è facile, ma è importante per entrambi scambiare i propri punti di vista per arrivare a un comune accordo. In simili circostanze, sicuramente neanche l'au pair avrà voglia di viaggiare per il mondo, ma magari vorrà visitare il Paese ospitante e fare nuove amicizie. Tutto questo sarà possibile soltanto scambiandosi i propri punti di vista e sviluppando fiducia reciproca.

4. Aggiorna costantemente il tuo au pair

La situazione coronavirus cambia di continuo. Per questo motivo, non solo è importante parlare con l'au pair prima dell'inizio del soggiorno, ma anche durante. 

Ora più che mai, gli au pair e le famiglie devono cercare di trasmettersi fiducia e lavorare insieme affinché tutti possano beneficiare al massimo dell'esperienza. In quanto famiglia, avrai un ruolo fondamentale nell'incentivare la cooperazione reciproca e il dialogo.

Anche AuPairWorld vuole essere trasparente. Proprio per questo, abbiamo condiviso anche con gli au pair alcuni consigli utili da seguire prima di recarsi a casa vostra.