Un'estate da au pair nel Regno Unito: Rinfresca il tuo inglese!

L'idea di trascorrere l'estate da au pair nel Regno Unito è davvero allettante: praticamente una vacanza con vitto e alloggio pagati in cambio di un piccolo aiuto in famiglia. Purtroppo però, le famiglie britanniche alla ricerca di au pair per il periodo estivo sono davvero pochissime. Ecco perché, se siete interessati a rinfrescare il vostro inglese, vi consigliamo di allargare la vostra ricerca anche ad altri paesi.

, in Archivio

"Vorrei trascorrere un'estate da au pair nel Regno Unito, come posso fare?" Ann-Kristin Schell, responsabile del Team di Traduttori di AuPairWorld, conosce molto bene questa domanda. Gli anni di esperienza maturati nel Team di Supporto di AuPairWorld e le migliaia di richieste ricevute via e-mail o per telefono le permettono, oggi, di dare a tutti gli au pair un importante consiglio: "Non cercate solo nelle grandi città, provate anche nelle aree rurali. Siate anche più flessibili sul numero e l'étà dei bambini.“

L'Irlanda offre ottime possiblità

La ragione? Nel Regno Unito il numero di ragazzi alla ricerca di una famiglia per periodi più lunghi è già altissimo. Inoltre, le famiglie alla ricerca di un au pair per l'estate sono davvero poche. In base alle nostre statistiche, l'anno scorso, per ogni famiglia ospitante alla ricerca di un au pair, vi erano ben 14 ragazzi interessati. Se invece guardiamo alla situazione dell'Irlanda, ci accorgiamo che le probabilità di trovare una famiglia per l'estate sono davvero ottime. Un altro consiglio di Ann-Kristin dedicato a coloro che vogliono rinfrescare il loro inglese, ma allo stesso tempo sono flessibili sulla destinazione, è il seguente: "Non è vero che l'inglese si parla solo nel Regno Unito o in Irlanda; anche nei paesi scandinavi, l'au pair e la famiglia ospitante parlano spesso inglese insieme.“

E perché non Australia o Nuova Zelanda?

Molti giovani au pair vorrebbero partire per gli Stati Uniti. Purtroppo però, da ottobre 2009, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha cancellato il programma au pair estivo - dato confermato anche da alcune delle più autorevoli agenzie per au pair statunitensi.*

Volete lavorare come au pair in Australia o in Nuova Zelanda? In questo caso, vi consigliamo di ripensare sia alla destinazione sia alla durata del vostro soggiorno. Il visto vacanza-lavoro necessario per entrambi i paesi può essere emesso una sola volta nella vita. Siete sicuri di volerlo utilizzare per un periodo di soli 2 o 3 mesi? Oltre alle spese di viaggio, non dimenticate che, per ottenre il visto, dovrete anche disporre di una somma di circa 5.000 dollari australiani o di 4.200 dollari neozelandesi.

L'investimento finanziario vale davvero la pena?

E così arriviamo alla domanda più importante: "Vale davvero la pena farsi carico di tutte queste spese per un soggiorno tanto breve?" Più in generale, possiamo dirvi che coloro che cercano una famiglia ospitante per un periodo dai 4 mesi in su, avranno sicuramente maggiori possibilità di riuscita.


* Nota della redazione: il presente articolo è stato aggiornato. Nella sua prima versione, avevamo segnalato le scarse possibilità di trovare lavoro come au pair negli Stati Uniti solo per il periodo estivo. Nel frattempo, alcune delle agenzie americane uffciali, nonché il Consolato americano in Germania ci hanno confermato che il programma au pair estivo negli Stati Uniti ha cessato di esistere dall'ottobre del 2009.

×

Accedi al tuo profilo su AuPairWorld